Morto Germano Celant, era il critico dell’Arte povera: ucciso dal Coronavirus
 
 
 

QM Logo 

 

Germano Celant

 

Morto Germano Celant, il critico dell’Arte povera: ucciso dal Coronavirus

Germano Celant è stato autore di oltre cinquanta pubblicazioni, tra cataloghi, approfondimenti sul lavoro di singoli artisti o scritti teorici come Conceptual Art, Arte Povera, Land Art del 1970.

Germano Celant è morto a 80 anni. È stato uno dei più celebri storici dell’arte contemporanea italiano. Nato a Genova nel 1940, si è spento all’Ospedale San Raffaele di Milano, dove era ricoverato perché contagiato dal Covid-19. La notizia è stata confermata da fonti museali e vicine al critico. Germano Celant era noto per essere il fondatore di Arte Povera, movimento artistico basato sulla riappropriazione del rapporto Uomo-Natura, sull’immanenza, sull’importanza del gesto artistico, in opposizione a un’arte patinata e consumista che stava prendendo piede alla fine degli anni ’60, quando si affermò 

Nel corso della sua lunga carriera il critico d'arte ha collaborato molto anche con gli artisti americani, diventando uno dei maggiori esperti della scena californiana. Negli anni Novanta divenne tra i più noti curatori del mondo e venne nominato direttore della 47 Biennale di Venezia. Attualmente era il curatore della Fondazione Prada e della Fondazione Emilio Vedova. Aveva collaborato nel 2015 con Expo per l’area Food in Art. Altre importanti rassegne furono da lui realizzate al Centre Pompidou, a Londra e a Palazzo Grassi. Tra le sue ultime mostre la magnifica retrospettiva su Jannis Kounellis a Venezia e quella su Vedova a Palazzo Reale a Milano. Celant è stato autore di oltre cinquanta pubblicazioni, tra cataloghi, approfondimenti sul lavoro di singoli artisti o scritti teorici come Conceptual Art, Arte Povera, Land Art del 1970.